L’ascolto prima della parola

L’espressione corrucciata, le braccia incrociate, il berretto che gli copre tutto. Tipica chiusura verso il mondo che non li capisce.
Immobili, seduti ed arrabbiati sembrano non ascoltarci.
Invece aspettano. Aspettano che gli diciamo l’unica parola che li rassicuri, che dimostri loro che il loro mondo è importante.
Quando ci confrontiamo coi bambini, ci confrontiamo con un mondo che non è il nostro ma il loro.
Hanno le loro idee, le loro soluzioni, le loro strategie.
Porci verso i bambini dando poco valore ad esse significa costruire un muro tra noi e loro.
Ogni loro gesto, loro parola, loro disegno è un messaggio per noi.
La prima cosa da fare è essere realmente dispiaciuti e di voler capire.
Chiedendo loro come risolverebbero il problema del momento e scusandoci se non abbiamo ascoltato la loro opinione sul tema.
Reagiranno in maniera vera solo se di fronte avranno un atteggiamento vero e sentito.
Perché il loro è un mondo importante quanto il nostro.
Perché il nostro mondo è iniziato da quando eravamo bambini.

 

Pubblicato da Alme Sol

L'istruzione è l'unica arma di cui disponiamo. Senza siamo prigionieri degli altri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: